LIMITIAMO GLI SPRECHI: FOOD EDITION

Buongiorno a tutti amici ❤

eccomi qui con un nuovo articolo e anche oggi mi discosto un po’ dai temi trattati solitamente, per dedicarmi a qualcosa di più serio e importante, ovvero di come gestire la spesa alimentare e limitare gli sprechi.

Per quanto riguarda la spesa alimentare, personalmente ho adottato, a partire dal nuovo anno, una strategia di planning settimanale, in cui appunto pianifico il menu della settimana e, di conseguenza, vado a fare la spesa in maniera molto più mirata, veloce e funzionale, senza sprechi e senza acquistare più o meno del dovuto: questo permette ovviamente un notevole risparmio di soldini, oltre ad evitare l’acquisto compulsivo di schifezze che può verificarsi quando andiamo a far la spesa vagando senza una meta precisa tra gli scaffali.WMP_

Un’altra buona abitudine che ho preso ormai da un paio d’anni, è quella di cercare di fare in casa tutto ciò che riesco, in modo da ottenere un risultato più sano e genuino, oltre ad un risparmio, anche qui, in termini di portafogli. Chi mi segue su Instagram saprà che di solito faccio il pane in casa, così come i dolci, e spesso e volentieri, anche la pasta. Sento molto spesso dire “beata te che hai il tempo e la voglia di fare tutte queste cose”, ma in realtà vi assicuro che farsi il pane in casa non solo non è così complicato come si pensa, ma non richiede neanche troppo tempo, perché una volta impastato dovete soltanto lasciarlo lievitare (personalmente il più a lungo possibile) e poi infornarlo. Non ci sono grossi segreti, si tratta soltanto di avere una buona organizzazione. Se mettiamo a cuocere dei legumi, ad esempio, facciamone in quantità abbondante, porzioniamo e surgeliamo, in modo da avere sempre una piccola scorta a disposizione: e così per tante altre preparazioni. E’ possibile inoltre trasformare delle banane troppo mature, o che rischiano di andare a male, in uno spuntino buonissimo, semplicemente ponendole in freezer; basterà frullarle, ancora congelate, insieme ad un altro frutto come fragole, mirtilli, lamponi, ecc.. si creerà una specie di gelato, fresco e goloso, ottimo per la merenda estiva e anche per i bimbi. Insomma, queste sono tante piccole accortezze che, però, possono fare la differenza nell’economia domestica; e non dobbiamo pensare che siano solo le persone in difficoltà economica a dover risparmiare, perché limitare gli sprechi significa anche utilizzare al massimo quello che abbiamo e avere maggior denaro a disposizione da spendere in altre cose, progetti o desideri.

Voglio concludere questo post rivolgendo lo sguardo alla sostenibilità, alla salute e all’ambiente e condividendo con voi tre regolette che cerco di applicare alla mia vita quotidiana:

  • Quando compriamo un prodotto alimentare, come qualunque altro prodotto, abituiamoci a pensare di più a ciò che stiamo acquistando: alla qualità, agli ingredienti e, non meno importante, alla provenienza; acquistare dal fruttivendolo vicino casa o dai mercati di frutta e verdura a Km 0 è un ottimo modo per sostenere l’economia locale ed avere un prodotto sicuramente più fresco rispetto ad un altro che ha dovuto macinare fior fiori di km, chiuso in delle cassette, per arrivare fino a noi;
  • Scegliamo la frutta e la verdura di stagione! Lo so che lo dicono tutti e che questo suggerimento rischia di sembrarvi banale, ma è davvero importantissimo, non soltanto in termini di risparmio (perché ovviamente il costo dei prodotti di stagione è molto più basso), ma anche e soprattutto perché il nostro organismo non ha bisogno delle stesse cose per tutto l’anno. Ogni stagione ha i suoi prodotti, che apportano le sostanze utili al nostro corpo per vivere al meglio in quel determinato periodo; quindi magari evitiamo di comprare le pesche a fine marzo, per esempio.
  • L’ultimo suggerimento, per quanto sia davvero molto difficile anche per me, è quello di provare a limitare l’utilizzo dei sacchi e delle confezioni in plastica, cercando di preferire, ad esempio, i pomodori o le patate sfusi a quelli in vaschetta e in sacchetto; lo stesso vale per la carne, le uova, il pesce e tutto il resto.

Bene amici, io spero che abbiate trovato qualche spunto interessante in questo articolo e mi piacerebbe sapere cosa ne pensate a riguardo…

A presto!

xo xo 💋

nome_

TI VA DI SEGUIRMI SUI SOCIAL?

Annunci

Give your stuff a new life!

Buongiorno a tutti amici 🌈

eccomi tornata viva sul blog, con un post che voglio dedicare ad un argomento molto discusso e non certo dell’ultima ora. Non scoprirò nulla di nuovo infatti parlandovi di RI-USO, ma mi piaceva molto l’idea di condividere con voi i miei pensieri e le mie opinioni a riguardo, anche perchè è questo uno dei propositi principali di questo blog.

So che moltissimi di voi hanno letto il famosissimo libro di Marie Kondo, “Il magico potere del riordino” e ne sono stati colpiti a tal punto da procedere ad un profondo e certamente non indolore decluttering generale. Io purtroppo non ho ancora letto questo libro super-famoso, ma sono stata invece ispirata dal magico spirito delle pulizie primaverili in persona, che ha preso pieno possesso e controllo delle mie facoltà. Stanca di avere cassetti pieni di cose, ma di utilizzarne effettivamente meno della metà, ho deciso di dedicarmi ad un’accurata quanto difficoltosa selezione di tutta la mia roba, e non parlo soltanto del mio armadio, ma anche della mia postazione make-up, dove una notevole quantità di ombretti di ogni forma, texture, colore e dimensione mi osservava con sguardo inquisitorio, facendomi realizzare che neanche altre 5 vite sarebbero bastate per poterli utilizzare tutti quanti. Devo premettere che non mi definirei un’accumulatrice compulsiva di makeup, quindi non avevo un arsenale bellico, ma “solo” un paio di cassetti, contententi trucchi accumulati nel corso del tempo. Riflettendo però, ho notato quanto il mio “everyday makeup” sia in realtà molto più semplice di quello che si potrebbe realizzare con la mia collection, perciò ho deciso che era arrivato il momento di disfarmi di un po’ di cose e tenere solo ciò che è o potrebbe (in occasioni particolari), essermi utile. Il resto è stato suddiviso in bustine… le cose meno usate probabilmente le regalerò, mentre le più vecchie e utilizzate andranno a finire da Tigotà, dove ritirano trucchi usati e in cambio regalano un buono sconto del 25% da spendere in negozio sul makeup: in questo modo potrò acquistare ad un buon prezzo, ad esempio, il prossimo mascara, quando quello che sto utilizzando attualmente terminerà. Mi sembra un’iniziativa davvero molto interessante, e poi la mia makeup collection ora entra tutta in un solo cassettino 😀 yehyyy 😀

Per quanto riguarda invece i vestiti, devo confessarvi che non ho mai acquistato usato, ma facendomi un giro tra i mercatini e dando un’occhiata su Depop, mi si è veramente aperto un mondo! Credo che la resistenza a comprare il second-hand, che io per prima avevo, sia soltanto un piccolo gradino di pregiudizio, se vogliamo chiamarlo così, che si può tranquillamente superare e che ci permetterebbe di aprirci a qualcosa di buono, utile ed ecologico. Nei negozi dell’usato si trovano poi, oltre a vestiti/scarpe/borse, davvero tantissime cose, libri, bigiotteria, elementi d’arrendo che possono rivelarsi molto interessanti, per non parlare di bicchieri, tazze, piatti, ceramiche, ecc.: si possono portare a casa pezzi davvero bellissimi, spendendo molto poco. Quindi è sicuramente un ottimo modo, non solo per risparmiare un bel po’ di soldini, ma anche per acquistare qualcosa di particolare e lasciarci ispirare dalle idee e dalla creatività.

Il mio primo passo verso il riuso nel campo dell’abbigliamento è stato crearmi l’account Depop, dove sto iniziando a caricare qualche capo (praticamente nuovo) che vorrei vendere: mi piacerebbe molto che queste cose venissero adottate da qualcuno che possa dar loro una nuova vita, sicuramente più bella di quella che farebbero perennemente chiuse nell’armadio, perché non mi entrano più, perché ho sbagliato taglia, o magari perché nel frattempo i miei gusti sono cambiati, ecc… Quindi se utilizzate questa app, vi invito a seguirmi sul mio profilo, mi trovate come annette_86; e se non la conoscete, magari potreste provare comunque a darci un’occhiata, chissà che non vi intrighi 😉

Sicuramente per molti di voi questo articolo non ha detto nulla di nuovo o degno di nota, ma, considerando che io mi sono avvicinata al riuso solo di recente, mi auguro semplicemente di aver fornito qualche spunto di riflessione utile a chi, come me, non aveva ancora pensato alla possibilità di comprare usato…e chissà, magari qualcuno di voi nei prossimi giorni andrà a fare un giro al negozio dell’usato e porterà a casa con sè qualcosa, un oggetto che ha già vissuto, che è già stato presente nella vita, nella casa di qualcuno, che ha accompagnato alcuni momenti della vita di un’altra persona… non è un pensiero bellissimo? 🙂

E voi, cosa ne pensate? Scrivetemi tutto nei commenti e fatemi sapere se questo articolo vi è piaciuto e se siete d’accordo con me oppure no. Mi piacerebbe molto conoscere le vostre opinioni! Io per il momento vi ringrazio infinitamente se avete avuto la pazienza di arrivare in fondo a questo post lungo e tutto chiacchiericcio e vi do’ appuntamento al prossimo post 😉

xo xo 💋

nome_

TI VA DI SEGUIRMI SUI SOCIAL?

What I Got For Christmas

Ciao a tutti amici e bentornati sul mio blog,

innanzi tutto essendo questo il primo post del 2018, voglio iniziare augurandovi un anno sereno e positivo, che sia in grado di regalarvi ciò che più desiderate. Lo scorso anno devo essermi comportata molto bene a giudicare dalla bontà e generosità di Babbo Natale, quindi ho pensato di cominciare il 2018 con un articolo sui miei regali di Natale… Dunque, non perdiamoci in ulteriori chiacchiere e iniziamo subito questo “What I got for Christmas”… donidinatale1

Partiamo dal regalo di M. che, nel gran marasma di papabili regali che gli ho elencato durante il periodo pre-natalizio, è riuscito a scegliere l’unica cosa che proprio non mi sarei aspettata: la SProcket di HP! Questa mini stampante portatile si collega tramite bluetooth al cellulare e permette di stampare, direttamente dallo smartphone, delle piccole foto da 5 x 7,6 cm. All’interno della confezione, oltre al cavetto usb e alle istruzioni, si trovano dieci fogli, la cui particolarità è quella di trasformarsi in adesivi con la semplice rimozione della pellicola posta sul retro; inoltre la tecnologia di questo simpatico aggeggino non prevede l’utilizzo di cartucce, ma solo dei fogli originali (tranquillamente reperibili anche su amazon). Dall’istante in cui l’ho provato mi è subito saltata in mente l’idea di stampare tantissime foto e di appenderle su di una parete utilizzando uno spago e delle mollettine di legno 😍 😍 😍… Inutile starvi a raccontare quanto entusiasta io sia o specificare che i dieci fogli in dotazione sono praticamente già terminati 😝HPSprocket

Il meraviglioso regalo del mio papà è stato invece questo bracciale bellissimo di Charmant corredato di due incantevoli charms: una perla e un cuore circondato da una serie di strass color borgogna. Lo adoro!!! ❤️bracelet

Procediamo con un altro graditissimo regalo firmato Calzedonia, che tra l’altro avevo già adocchiato in negozio ed inserito nella mia wishlist: sono dei bellissimi jeans a vita alta, super comodi, sfrangiati sulla caviglia e con applicazioni di perle e fiocchetti neri a decorare le gambe. Bellissimi e con una vestibilità perfetta!jeanscalzedonia

Sempre restando in tema fashion, vi faccio vedere due maglioni, entrambi carinissimi e perfettamente in linea con i miei gusti e il mio stile. Il primo è leggermente più particolare, in doppio colore, senape sul busto e sulle maniche, nero nella parte inferiore; lungo la linea che separa il primo dal secondo colore sono applicati inoltre dei grossi bottoni neri. Il secondo è un maglioncino piuttosto leggero e molto morbido, ovviamente nero e, inutile sottolinearlo, estremamente versatile. Lo scollo è rotondo e ampio per entrambi i capi.

Il prossimo regalo che vi faccio vedere è un accessorio, in particolare una bellissima borsa Anna Field color borgogna, con applicazioni dorate. L’ho già indossata in un paio di occasioni, e mi piace tantissimo, sia per il colore che per lo stile; inoltre è molto comoda grazie alla tracolla e i suoi dettagli dorati donano luce e la rendono perfetta per completare e dare un tocco di colore ai miei outfit serali. borsa

Passiamo ora al beauty, con un set composto da 1 Bath Blaster, 1 Bath Melts e 1 Crema/Trattamento mani di Bomb Cosmetics, marchio inglese di prodotti naturali e handmade, dalle profumazioni paradisiache. Se guardando la foto in basso vi state chiedendo come mai parlo di tre prodotti, ma ne vedete solo due, la semplice spiegazione è che ho già utilizzato la bath blaster, la quale si è coraggiosamente sacrificata in onore della morbidezza della mia pelle. Non ho ancora avuto modo di testare il resto dei prodotti, ma posso dire senza dubbio che se queste sono le premesse, partiamo proprio con il piede giusto! bombcosmetics

In tema decisamente più “home decor”, vi mostro adesso un graditissimo pensiero, composto da una piccola lanterna bianca decorata nella parte centrale con un delizioso cuore, al cui interno era sistemata una candelina di Yankee Candle nella profumazione Crackling Wood Fire: eh sì, le mie amiche mi conoscono proprio bene! ❤️lanternaeyankee

Ed eccoci arrivati alla fine con un regalo che ho tenuto per ultimo, non per importanza ma per tempistica, in quanto è stato recapitato dalla Befana e non da Babbo Natale: sto parlando delle mie bellissime Dr. Martens nere 😍, che da tempo attendevano sul fondo della mia wishlist. In realtà mi sarebbe tanto piaciuto poter ritrovare quelle che utilizzavo nel lontano tempo dei miei 16 anni, ma onestamente non ho la più pallida idea di che fine abbiano fatto: probabilmente saranno state talmente tanto utilizzate che mia madre le avrà gettate via quando ho smesso di trascinare i miei piedi in quelle bellissime Dr. Martens blu slacciate e di un numero più grandi 😁Dr.Martens

Bene miei cari, questo era tutto per quanto riguarda i miei regali di Natale… Devo dire che sono stata molto contenta e grata, non solo per tutto ciò che ho ricevuto, ma anche di essere riuscita a rendere felici, con i miei pensierini, le persone che amo.

E voi avete ricevuto ciò che desideravate? Cosa ne pensate dei miei regali? Se avete qualunque domanda o curiosità scrivetemi tutto nei commenti, vi aspetto!

xo xo 💋

nome_

SEGUIMI SUI SOCIAL:

Viaggio a Monaco: Parte II

Salve a tutti lettori,

eccoci qui con la seconda parte del diario del mio viaggio a Monaco, e oggi vi voglio parlare della visita al campo di concentramento di Dachau. Vi chiedo scusa in anticipo per la lunghezza infinita di questo articolo, ma un posto come questo merita senza dubbio molto spazio…

Dachau, aperto il 22 marzo 1933 su iniziativa del comandante Heinrich Himmler, fu il primo campo di concentramento, nonché l’unico rimasto intatto e attivo per tutti gli anni di durata del regime nazista, e venne preso da modello per la costruzione dei successivi.  Meno di un mese dopo la sua apertura, la polizia bavarese che si occupava in principio della gestione del campo, venne sostituita dalle SS, che iniziarono a seminare il terrore. Lungo il viale che porta all’entrata di questo luogo immenso, si trova oggi la caffetteria e l’ufficio informazioni, dove vengono distribuite le audio guide in tutte le lingue e una brochure che aiuta a seguire il percorso all’interno del campo. La guida spiega dettagliatamente passo per passo ciò che avveniva all’interno di quest’area; saltuariamente si trovano lungo il percorso dei tabelloni che ritraggono foto dell’epoca e raccontano dettagli specifici.

dachao1

Nella foto qui in basso potete vedere l’entrata nel campo e una delle torri di controllo. Devo confidarvi che sono rimasta inorridita davanti allo spettacolo di turisti in posa con tanto di sorrisi intenti a farsi scattare delle foto con questo sfondo… rimango sempre incredula di fronte alla totale mancanza di tatto, sensibilità e rispetto che spesso la gente dimostra di avere…ma andiamo avanti!dachao2La Jourhaus era l’uscita principale e ingresso al campo dei prigionieri, nonché sede principale delle SS. Il cancello di ferro attraverso il quale passavano i prigionieri recava la scritta “Arbeit Macht Frei” ossia, “Il lavoro rende liberi”. L’obiettivo della propaganda nazista era ovviamente quello di sminuire e nascondere il vero intento del campo di concentramento, presentandolo piuttosto come un luogo di lavoro e di rieducazione: ma il lavoro forzato veniva di fatto utilizzato come metodo di tortura e diffusione del terrore.

dachao3Nel cartello qui in basso, posto subito di fronte all’entrata, viene riportata questa foto, dalla quale spicca immediatamente come anche questa omologazione esteriore, questo farli apparire tutti uguali, fosse un’ulteriore modo di sottolineare l’annullamento della dignità, dell’individualità e dell’autodeterminazione di queste persone.

dachao4Qui viene invece ritratto il Wirtschaftsgebäude, ovvero la casa di manutenzione, che gli stessi detenuti costruirono tra il 1937 e il 1938, durante i lavori di riqualificazione e ampliamento del campo che lo portarono poi alla forma che mantenne fino alla fine. Di fronte all’edifico si trova la Piazza dell’appello: qui i prigionieri  dovevano radunarsi ogni mattino e ogni sera per il lunghissimo appello, durante il quale erano posizionati di fronte alla scritta dipinta sul tetto dell’edificio, la quale recitava: “C’è un cammino verso la libertà. Le sue tappe sono: l’obbedienza, l’onestà, la pulizia, la sobrietà, la diligenza, l’ordine, lo spirito di sacrificio, la veridicità, l’amore per la patria”.  L’edificio conteneva  magazzini, laboratori, la cucina, la lavanderia e il cosiddetto “Schumbraum”, ovvero i “bagni dei prigionieri”, dove i detenuti venivano registrati appena arrivati al campo di concentramento.

dachao5

 

Nelle vecchie stanze dell’edificio si trova oggi la mostra che documenta la storia di questo campo di concentramento. La mostra è suddivisa attraverso le varie stanze, ciascuna delle quali ripercorre una tappa di ciò che avveniva in questo luogo. In una delle prime stanze si vede quella che era la stanza shunt, dove i prigionieri appena arrivati al campo attendevano di essere registrati, nella sua originale divisione spaziale. Dei tavoli sono collocati tra i pilastri e dividono la camera in due parti; dietro i tavoli vi erano gli uomini delle SS, insieme ai detenuti assegnati a lavorare alla registrazione dei prigionieri appena arrivati e a raccogliere i loro vestiti e gli oggetti personali. I tavoli espongono i documenti ufficiali con le liste dei prigionieri ai quali le SS assegnavano i numeri identificativi, privandoli così definitivamente di ogni individualità.

stanzaregistrazioni.JPG

Una delle punizioni inferte più di frequente era la fustigazione, come si può vedere nell’esposizione della panca sulla quale venivano fatti posizionare i detenuti per la tortura e del frustino…

dachao17

Un’altra punizione disumana che le SS amavano infliggere ai detenuti era il cosiddetto “polo sospeso”, effettuato all’interno dei bagni dei prigionieri, dove questi ultimi venivano legati, con le mani dietro la schiena, ad una catena, appesa a dei ganci che le SS avevano inserito su travi di legno poste tra i pilastri interni. Il prigioniero era costretto a stare su uno sgabello, che l’uomo di turno delle SS colpiva con un calcio. Questa forma di impiccagione era terrificante e spesso il malcapitato non vi sopravviveva o ne usciva con danni gravi e permanenti a polsi e spalle.

Anche cibo e acqua non erano sufficienti a coprire i bisogni minimi dei prigionieri e la loro privazione rappresentava un ulteriore strumento di tortura; con l’aumento smisurato dei detenuti poi, le condizione di malnutrizione peggiorarono ulteriormente:

dachao18

Verso la fine della mostra vi è esposta anche la porta originale del cancello d’entrata al campo di concentramento:

dachao16

Fuori dall’edificio spicca la scultura di Nandor Glid, che rappresenta le misure di sicurezza poste intorno al campo di concentramento, ossia pali recintati, fossati e filo spinato; anche i pali di cemento, che in qualche modo incorniciano la scultura, simboleggiano i sistemi di sicurezza. Gli scheletri rappresentano invece coloro che, devastati dalla disperazione, di gettarono nel filo spinato e i numerosi suicidi che avvennero nel campo.

dachao6

Un altro monumento, creato nel 1968 su iniziativa del Comitato Internazionale dei Prigionieri (principalmente politici) si erge vicino al precedente: si tratta di un rilievo con dei triangoli attaccati ad una catena, che rappresentano le targhette che distinguevano i detenuti a partire dal 1937. All’interno della scultura non sono esposti né il triangolo nero che era assegnato ai cosiddetti “asociali”, né il triangolo verde dei “prigionieri criminali”, né il triangolo rosa associato agli omosessuali. Il destino di queste altre vittime dimenticate fu oggetto di ricerca soltanto a partire dagli anni ’80.

dachao7

Sulla sinistra nella piazza dell’appello, si erge un monumento che recita “Mai più”, scritto con caratteri ebraici, poi in francese, inglese, tedesco e russo. Al di sotto vi è un’urna contenente le ceneri del prigioniero sconosciuto del campo di concentramento, cremato in questo campo di concentramento nel maggio 1967, e che ricorda le migliaia di cadaveri che furono bruciati nel forno crematorio.

dachao8

Più o meno al centro della piazza si erge poi un monumento progettato da un artista jugoslavo, Nandor Sguscaiava, sul quale è incisa in più lingue la seguente iscrizione: “Possa l’esempio di coloro che furono sterminati qui tra il 1933 e il 1945 a causa della loro lotta contro il nazionalsocialismo, unire i contemporanei nella loro difesa della pace e della libertà e nel rispetto della dignità umana”.

murodellamemoria.JPG

Proseguendo nel percorso si arriva ad un’area vastissima, nella quale si estendevano le baracche dei detenuti, l’una accanto all’altra; esse erano numerate e poste su due lati, a sinistra quelle con i numeri pari, a destra i numeri dispari. La foto purtroppo non rende giustizia alle sensazioni che si provano calpestando questa terra…

dachao9

Alla fine di questo immenso viale di baracche, vi sono i monumenti religiosi, tra cui “la cappella dell’Agonia Mortale di Cristo”, istituita per prima nel 1960 e il “Monumentale ebraico”, consacrato nel maggio 1967 in ricordo di tutti gli ebrei che hanno perso la vita in questo campo di concentramento. La stessa ringhiera situata lungo i lati della costruzione simboleggia il filo spinato, onnipresente all’interno del campo. Nel punto più basso della struttura, la luce filtra attraverso un’apertura nel soffitto. Sull’edificio è posta una menorah a sette braccia, fatta di marmo di Pek’in, un luogo in Israele dove, anche nei momenti peggiori e più difficoltosi, deve sempre risiedere almeno un ebreo, a simboleggiare la continuità del giudaismo. All’interno della struttura brucia la luce eterna, la “Ner Tamid”.

dachao10

La scritta sulla facciata della costruzione riporta: “Riempile di spavento, Signore, sappiano le genti che sono mortali”.

dachao11

Procedendo nel percorso verso la zona dei forni crematori, si passa attraverso questo cancello; tutta la linea che divide il campo dalla zona dei forni è contraddistinta dalla presenza di un fosso e da tantissimo filo spinato… Altre torrette di guardia disposte lungo questa linea ospitavano le guardie delle SS che controllavano e fucilavano i detenuti che tentavano di oltrepassarla. Spesso accadeva che fossero gli stessi uomini delle SS a spingere i prigionieri verso il fosso, per poi procedere alla loro fredda esecuzione.

dachao15

Eccoci arrivati alla zona dei forni crematori, sempre in funzione, giorno e notte, dove principalmente venivano smaltiti i cadaveri del campo di concentramento. Ma nel 1944 il numero di cadaveri era enormemente maggiore rispetto alla capacità dei forni e venivano ammucchiati l’uno sull’altro come pietre; tanto che, dopo la liberazione del campo da parte dei soldati americani alla fine di aprile del 1945, essi si trovarono di fronte allo spettacolo raccapricciante di innumerevoli cadaveri ammucchiati nel forno crematorio. I decessi documentati ammontano a 32.000; tuttavia migliaia di morti non furono ufficialmente registrati. All’interno di questa struttura, rimasta intatta fino ad oggi, i visitatori passano attraverso le camere dei forni e arrivano in una stanza con delle strane bocchette sul soffitto… erano le cosiddette “docce”! Le SS portavano i detenuti in una stanza dove si spogliavano e lasciavano i loro indumenti convinti di entrare nelle docce, ma di fatto venivano rinchiusi in una camera a gas, che fuoriusciva dalle bocchette in alto sul soffitto. L’ultima stanza del percorso dei visitatori all’interno di questa struttura porta alle camere di disinfezione dei vestiti dei detenuti.

dachao14

Nello spazio esterno spiccano due monumenti commemorativi: uno è il memoriale del “prigioniero ignoto” di Fritz Koelle, ai piedi del quale viene riportato: “Per onorare la morte, per avvertire il vivente”; e l’altro è il memoriale ebraico alle migliaia di morti sconosciute, il quale reca l’iscrizione: “Do Not Forget”, PER NON DIMENTICARE!

dachao12dachao13

Purtroppo per ovvi motivi non è possibile riportare tutto esattamente come l’ho visto e vissuto, ma ci tenevo comunque a condividere con voi questa esperienza. In questi anni di naufragio totale del genere umano, un posto così serve a ricordare a tutti noi che tragedie e disumanità di questo genere non devono più ripetersi e mi sento sicuramente di consigliare una visita in questi luoghi non solo a tutti voi che siete pazientemente arrivati alla fine di questo mio articolo, ma anche e soprattutto a coloro che, inebriati dalla loro ignoranza, si ergono a illustri conoscitori della storia e espongono fieri i simboli di quel flagello della razza umana che il nazismo di Hitler ha rappresentato.

A presto amici!

xo xo 💋

nome_

SEGUIMI SUI SOCIAL:

Viaggio a Monaco: Parte I

Salve a tutti amici,

eccomi tornata dal mio viaggetto a Monaco e pronta a condividere con voi i dettagli di questi giorni davvero interessanti. Cominciamo subito perché sarà un post lunghissimo, e pensate che ne mancherà una parte.

Dunque quest’anno siamo partiti il 23 e rientrati il 26 settembre; abbiamo alloggiato in un paesino di campagna immerso nella natura, una frazione di Bad Tolz, di nome Wackersberg… un posto incontaminato, di una tranquillità e pace assoluta… vi lascio un paio di foto perché possiate apprezzarne la bellezza…

CasaChristiana

mucchealpascolo

Siamo arrivati in questo paradiso nel primo pomeriggio, abbiamo posato i bagagli e siamo andati a fare un giro per Bad Tolz, una città davvero molto caratteristica, attraversata dal fiume Isar. Abbiamo fatto una passeggiata sul lungofiume e camminato per la strada principale, Marktstrasse:

fiumeisaarbadtolzsulfiumepalazzocentrobadtolzmarketstrassestradamarktstrasselocalecaratteristico

Il giorno seguente, sveglia alle 7 e, dopo un’ottima colazione più che abbondante, ci siamo diretti verso Monaco; all’uscita dalla metropolitana, in Marienplaz, ecco i tradizionali rintocchi del carillon del Neues Rathaus, il palazzo del Municipio Nuovo, con i personaggi che ballano due scene diverse: una giostra rappresenta i festeggiamenti in onore delle nozze del duca Guglielmo V con Renata di Lotaringia e l’altra è la danza dei bottai Schäfflertanz. Questa volta, non solo siamo entrati all’interno del palazzo stesso, ma siamo saliti anche sulla torre, la quale offre una vista mozzafiato sulla città e in particolare sul Altes Rathaus (Vecchio Municipio, che potete vedere bene nella quarta foto qui sotto) e sulla Frauenkirche, ovvero la Cattedrale di Nostra Signora di Monaco di Baviera (l’ultima nelle foto in basso)…

dietroduomogemellaggiovisualetorreconorologiopanoramaaltopanoramaduetorri

Abbiamo poi proseguito il giro per la città in una piazza dove era presente qualunque prodotto tipico della Baviera…c’era davvero di tutto, dai formaggi, alle zucche, alle donnine in abiti tipici intente ad intrecciare bellissime corone di luppolo; per non parlare dei camioncini che arrostivano e servivano i tipici bratwurst. La piazza era veramente gremita di gente e un palco con tanti musicisti vestiti in abiti tradizionali intrattenevano una folla enorme di persone, intente a degustare panini, birre e delizie di ogni tipo.

palcoatemaintrecciosignoracheintrecciaesposizioneintrecci

Durante il pomeriggio abbiamo fatto un salto a una delle tre pinacoteche di Monaco, la Neue Pinakothek, dove pagando soltanto 1.00€ di biglietto, abbiamo potuto ammirare numerose, bellissime opere d’arte, tra cui alcuni quadri molto famosi di artisti come Van Gogh, Monet, Klimt, ecc… Vi lascio solo qualcuna delle tantissime foto che ho scattato.

girasolivangogh1vangogh2vangogh3monetklimtklimt1diesuende

Dopo questa splendida visita in Pinacoteca, abbiamo deciso di fare un salto all’Oktoberfest, ma ahimè, dopo pochissimo dal nostro arrivo, è venuto giù il diluvio universale con tanto di grandine! Per farvela breve siamo rimasti bloccati lì fino a sera, dopo di che siamo corsi a rifugiarci in un pub. Non vi preoccupate però, siamo riusciti a recuperare il giorno seguente 😉

spaten

L’ultimo giorno disponibile abbiamo deciso di dedicarlo in buona parte a visitare il campo di concentramento di Dachau, ma per potergli dare lo spazio che merita, ve ne parlerò nel prossimo post.

Prima di salutarci, però, voglio farvi vedere gli acquistini che ho fatto durante questa breve ma bellissima vacanza:

acquisticappelloghirlandetisanafrutti

Di ritorno in Italia ci siamo fermati a Bolzano per salutare un carissimo amico e ne ho approfittato per entrare al Thuniversum, all’interno del quale si trova anche uno spazio outlet con sconti molto, molto interessanti…e siccome non è mai troppo presto per non farsi sfuggire oggettini natalizi (soprattutto se scontati), ho preso una zuccheriera a tema e un profumatore per ambienti nella fragranza “Christmas love”…

acquistithun

Per ora è tutto, stay tuned per la seconda parte 😉

xo xo 💋

nome_

SEGUIMI SUI SOCIAL:

 

Vi porto con me a Monaco di Baviera

Ciao a tutti e buon inizio settimana 🙂

oggi voglio parlarvi un po’ del mio viaggetto a Monaco della scorsa settimana. Sono stati tre giorni molto belli e divertenti e ho scattato molte foto che voglio condividere con voi…quindi inizio subito a raccontarvi qualcosa della mia piccola vacanza ^^

Siamo partiti in macchina da Reggio Emilia di sabato mattina, armati di entusiasmo e deliziosi muffins alla mela, cannella e noci, che avevo preparato il giorno prima (e che in realtà non hanno fatto molta strada :P)…  Nel nostro viaggio verso Monaco, abbiamo deciso che sarebbe stata carina una breve sosta a Innsbruck per fare un giro nel centro della città austriaca e magari riempire anche un po’ le pance. Vi lascio qualche scorcio di questa bellissima città circondata dalle maestose montagne del Tirolo Settentrionale…

innsbruck-centro

innsb1

innsb2

innsb3

Dopo aver scattato tremila foto a questo splendido palazzo con tetto in oro e aver assaporato una squisita fetta di saker (direi d’obbligo), ci siamo rimessi in viaggio verso l’alloggio per fare il check-in. Avevamo prenotato in un posticino vicino al lago Ammersee, e così, dopo essere arrivati e aver sistemato i bagagli, siamo andati a fare una passeggiatina al tramonto sulle sue sponde…

lagotramonto

meonthelake

La bellezza di questo posto era esaltata dai colori meravigliosi del cielo e dal senso di pace e silenzio che trasmetteva… Un vero incanto!

Il giorno successivo sveglia presto, colazione energetica e poi via verso la metro, direzione Oktoberfest…nel tragitto però ho DOVUTO fare una breve sosta da Starbucks, essendo la prima volta che ne vedevo uno! e chissà che bevanda avrò mai scelto… non c’è niente da fare, per me non è autunno senza il mio adorato Pumpkin Spice Latte e finalmente ho assaggiato l’originale (e ora con una certa dose di fierezza posso affermare che la mia versione homemade è decisamente all’altezza)! 

meatstarbucks

Ovviamente non potevo non portarmi dietro un souvenir di Starbucks e quindi ecco a voi la bellissima tazza che è andata ad incrementare ulteriormente la mia collezione 😀

tazza

All’uscita della metro, in direzione della fiera, c’era un bel po’ di gente in fila, ma alla fine ce l’abbiamo fatta e siamo approdati in quello che sembra a tutti gli effetti il paese dei balocchi… Si ha veramente l’impressione di essere catapultati in un altro mondo, fatto di giochi, prelibatezze e divertimento. Vi lascio qualche foto di questo posto così particolare…

stendkalbsbratereispatenbrauhbstend

Ed ecco qua la biondissima protagonista della festa, che abbiamo gustato seduti sulle panche del birrificio, sotto un bellissimo e caldo sole.

birrepernoi

Abbiamo trovato qualche minuto di ristoro e, soprattutto, di ombra su di una collinetta dalla quale si aveva questa visuale:

vistadalprato

Devo dire che gli stand erano davvero molto curati e bellissimi…mi ha colpito molto il senso di comunità che si avverte e il fatto che moltissime persone indossassero gli abiti caratteristici. Per non parlare poi della pulizia, in particolar modo dei bagni, che mi ha decisamente sconvolta, considerando la quantità di gente che ci passa ogni ora. Ci siamo divertiti tantissimo, è un clima veramente unico dove si ha la possibilità di scambiare chiacchiere e conoscere persone di ogni nazionalità….è senz’altro questa la cosa più piacevole!

Il giorno successivo, dopo la consueta abbondante colazione, abbiamo deciso di fermarci in centro a Monaco, per visitare meglio la città…abbiamo fatto un giro per il bellissimo e caratteristico mercato vicino Marienplatz, dove sono rimasta incantata dai banchi di frutta e di fiorni e dagli stand che esponevano miele o bellissime lavorazioni artigianali…

fioriinpiazza

fruttabella

Avrei voluto comprare di tutto, in particolar modo delle meravigliose ghirlande da appendere all’entrata di casa, ma non volevo spendere tutto il mio budget per i souvenir in una volta, quindi mi sono mantenuta sul modesto e mi sono portata a casa questa ghirlanda più contenuta che ha già preso posto come centrotavola 😀

centrotavola

Ma Monaco racchiude anche al suo interno un vero e proprio polmone verde, l’Englischer Garten, ovvero i giardini inglesi, un enorme e magnifico parco cittadino, che è uno dei più grandi del mondo. Al suo interno c’è una vera e propria città verde, con ruscelli e laghetti, chioschi e panchine….un posto davvero incantevole e immenso!

giardinibella

giardini

Tornando al centro di Monaco, tra bar, negozi di abbigliamento e souvenir si trova la bellissima Marienplatz, dove si può ammirare l’imponente palazzo del municipio, in stile neogotico, che vi faccio vedere nelle foto in basso:

monaco

monaco1

La torre con l’orologio è davvero stupenda e incanta tutti i turisti con i suoi giochi di campane: un carillon al centro della torre, che si aziona due o tre volte al giorno, tiene incantati col naso all’insù tutti i passanti. 

I negozi di souvenir erano tutti carinissimi e caratteristici e alcune vetrine erano di una bellezza incredibile…I boccali di birra antichi che vedete nella foto erano delle vere opere d’arte, così come gli orologi a pendolo che avevano esposti nello steso negozio… 

vetrinaboccali

cucu

Il giorno successivo purtroppo siamo dovuti ripartire, ma prima di tornare a casa, abbiamo fatto una tappa in un supermercato per prendere qualcosa, tra cui due té, per 1,99€ ciascuno, che mi incuriosivano un sacco.. La marca in questione è la versione tedesca della nostra Pompadour e ho scelto di prendere il gusto mela e fichi, che in Italia trovate col nome di “Mela d’Oriente”, e il gusto alla Torta di Mele Caramellate, che invece credo che da noi non esista (ho controllato sul sito della marca e purtroppo non l’ho vista).

the

L’ultima cosa che voglio farvi vedere, e che mi ha colpita in modo particolare, sono questi spazi incustoditi dedicati alla verdura di stagione, la zucca.

zucche

Questi banchetti meravigliosi si trovavano spessissimo ai margini delle strade ed erano totalmente incustoditi; vi era soltanto una cassettina per il denaro con esposti i prezzi delle varie tipologie di zucca: americane, decorative, hokkaido… non ho potuto fare a meno di restare molto sorpresa dalla cosa! In ogni caso ho speso una decina di euro e ho portato a casa questo bel bottino 😀

zucchesultavolo

Bene ragazzi, questo è stato il riassunto dei miei tre giorni in Germania…spero che questo post interminabile vi sia piaciuto e vi do appuntamento al prossimo post 😉 

xo xo 💋

nome_

SEGUIMI ANCHE SUI SOCIAL:

Buon compleanno Anna’s Secret Garden!!!

Salve a tutti 🙂

esattamente un anno fa nasceva Anna’s Secret Garden, questo mio piccolo spazio dove mi racconto e vi racconto di esperienze, opinioni e abitudini. In questo brevissimo post voglio assolutamente ringraziare di cuore tutte le ragazze dolcissime che ho (seppur virtualmente) conosciuto grazie a questo blog e con cui scambio chiacchiere e consigli , tutti i lettori passeggeri o abituali che sono passati dal mio blog e in generale tutte le persone che hanno deciso di seguirmi…

Devo confessarvi che avevo molte incertezze quando ho iniziato questa piccola avventura, ma sono davvero tanto felice di averlo fatto perché il riscontro che ho avuto è stato sicuramente superiore alle mie aspettative… Mi auguro di riuscire (sebbene sia un periodo non proprio sereno), a scrivere tanti articoli interessanti e che questo NOSTRO piccolo spazio possa crescere e migliorare sempre di più!

E ora non mi resta che dire:

unnamed

Un abbraccio fortissimo ad ognuno di voi…GRAZIE ancora e… appuntamento al prossimo post 😉 ♥

xo xo 💋

nome_

SEGUIMI ANCHE SUI SOCIAL:

Benvenuto autunno!

Salve gente ^___^

eccomi qui con un post un po’ chiacchiericcio…

Da ieri siamo ufficialmente in autunno, la mia stagione preferita!


Si riprende con le bevande calde del pomeriggio, i maglioncini, le copertine 😍…per non parlare poi dei colori meravigliosi e dei sapori deliziosi che questa stagione ci regala 😋 (zucca, castagne, mele, ecc…), insomma io l’adoro!!! L’unico neo è l’incontrollabile smania di preparare dolci che mi investe in questa stagione, cosa che ovviamente non giova al mio, già di per se complicato, rapporto con la bilancia 😓… Anyway, questi giorni (oltre alla settimana della moda), sono anche i giorni dell’Oktoberfest, il famoso festival della birra…e indovinate un po? Domani partiamo, destinazione Monaco…evvaiii!!! 😄🍻

Arriveremo in Germania domani pomeriggio e torneremo a casa martedì… Ovviamente conto di fare un bel po’ di foto da mostrarvi appena rientrata 😀 e spero tanto di aver preparato una valigia sufficientemente adatta alla temperatura bavarese del periodo 😅

In ogni caso sono molto contenta di questo viaggetto che sto per fare 🙂

Fatemi sapere se voi siete mai stati a Monaco durante questo periodo e, ovviamente, se avete qualche consiglio da darmi è sempre ben accetto 😉

Io vi auguro un buon weekend e vi do appuntamento al prossimo post 😉

A presto 🙂

xo xo 💋

nome_

SEGUIMI ANCHE SUI SOCIAL:

 

A volte ritornano

Buongiorno carissimi lettori, 🙂

eccomi tornata dopo un’assenza piuttosto lunga. Molte cose sono accadute negli ultimi tre mesi, alcune molto belle, altre decisamente negative… Delle cose brutte preferisco non parlare, voglio piuttosto concentrarmi su quanto di positivo questo periodo mi ha regalato. Chi di voi mi segue su Instagram avrà già avuto modo di vedere la foto scattata nel giorno in cui io e la mia dolce metà abbiamo ricevuto le chiavi della NOSTRA NUOVA CASA 😀 🎉💑🏠💕

Ebbene sì, dopo tanti anni di affitti, abbiamo ritenuto fosse arrivato il momento di comprare casa :D… Devo confessarvi che il primo periodo di ricerca, durante il quale ci siamo concentrati esclusivamente sulle trattative tra privati, è stato piuttosto stressante oltre che inconcludente, fino a quando ci è capitato tra le mani un giornaletto di annunci immobiliari, dove un’insersione in particolare ha catturato la nostra attenzione…così ci siamo rivolti all’agenzia in questione per visionare l’appartamento. Beh ragazzi, che dirvi, è stato esattamente ciò che si può definire “amore a prima vista”! anche un’altra coppia era interessata alla casa, ma noi siamo arrivati giusto un attimo prima per poterla bloccare. Insomma non so dirvi quanto sia felice di aver compiuto questo passo così grande e importante!!!

La ricerca e la scelta dell’arredamento (che tuttavia non abbiamo ancora completato), l’impacchettamento e inscatolamento di tutta la nostra roba e il trasloco in tutte le sue sfaccettature, ci hanno completamente rapiti e non ho avuto più il tempo di fare nulla. Lo stress non è mancato sicuramente, ma allo stesso tempo devo confessarvi che scegliere con cura ogni mobile, progettare e vagliare le varie opzioni e disposizioni, INSIEME, è stato bellissimo!

Ci siamo trasferiti ufficialmente a metà luglio inoltrata e, tra pulizie e scatoloni da svuotare, il tempo è volato. Anche le ferie sono state abbastanza tardive quest’anno, infatti siamo tornati in città da pochi giorni. Ma adesso che sono rientrata ho in mente una serie di articoli arretrati con i quali vi ammorberò al più presto :D…

Chiedo ancora scusa per l’assenza e spero, nonostante i problemi che purtroppo ci sono in questo momento della mia vita, di riuscire ad essere più presente e di potervi ritrovare sempre qui… 🙂

A prestissimo

xo xo 💋

nome_

SEGUIMI ANCHE SUI SOCIAL:

Ringraziamenti speciali

Buongiorno a tutti amici 🙂

oggi WordPress mi ha notificato il raggiungimento dei 100 Segui sul mio blog e per questo mi sento di ringraziare infinitamente tutti voi che avete apprezzato i miei post e deciso di seguirmi… 100 segui

So che per molti questo traguardo sembrerà una sciocchezza, ma per me significa tantissimo!!! Quando ho deciso di aprire questo blog per condividere i miei pensieri, le mie passioni, le mie opinioni, non avevo aspettative, ma poi ho visto che ciò che scrivevo non passava inosservato, che ci sono tante bellissime persone qui con cui condividere le proprie idee ed esperienze e sono contentissima di averlo fatto e che i miei post vengano letti e apprezzati. Quindi nulla ragazzi, volevo semplicemente dire un GRAZIE di cuore ad ognuno di voi… ❤

Un abbraccio ciascuno

xo xo 💋

nome_